Come si diventa fotografa di newborn?

      Una cosa è certa: non ci si può improvvisare!

      Per questo motivo ho deciso di iscrivermi ad un workshop con una delle più importanti fotografe di neonati, Michela Magnani.
      Due giorni pienissimi, impegnativi, dove ho imparato che la cura, l’amore, la precisione, la pazienza, la flessibilità, sono la base da cui iniziare un servizio fotografico di neonato.

      dietro le quinte ws_3-2

      Tornando indietro nei mesi non riesco a trovare il momento esatto in cui è scattata la scintilla per questo tipo di fotografia… è stata una cosa lenta e graduale, metabolizzata un’immagine alla volta, un giorno dopo l’altro, un sorriso dopo l’altro.
      Poi la rivelazione: voglio fare un workshop, voglio imparare  a fotografare i neonati.

      E lì è scattato il vero amore.

      dietro le quinte ws_5-2

      I due giorni di workshop con Michela sono stati stancanti ma ricchi di sorrisoni, di scoperte, di condivisioni.
      E uscendo dal suo studio della provincia milanese per far ritorno a Verona mi sono sentita diversa.
      Perchè fotografare i neonati è meraviglioso. E’ zen. E’ come praticare la meditazione.

      Michela mi ha lasciato un biglietto di ringraziamento con una frase:

      “The only way to do great work is to love what you do”

      E io non posso che essere d’accordo con lei e ringraziarla.

      Di cuore.

      (qua trovi un piccolo portfolio di newborn e qua di gravidanza)

      dietro le quinte ws_7-2 dietro le quinte ws_4-2 dietro le quinte ws_1-2

      SHARE
      COMMENTS

      error: © Emanuela Vigna - all rights reserved