Simone Di Luca il fotografo

      Once I thought I saw you
      in a crowded hazy bar,
      Dancing on the light
      from star to star.
      Far across the moonbeam
      I know that’s who you are,
      I saw your brown eyes
      turning once to fire.

      You are like a hurricane
      There’s calm in your eye.
      And I’m gettin’ blown away
      To somewhere safer
      where the feeling stays.
      I want to love you but
      I’m getting blown away.
      (Like an Hurricane – Neil Young)

      FADE IN

      INTERNO OSTERIA A UDINE – TARDO POMERIGGIO

      L’ambiente è poco illuminato, al soffitto sono appesi cappelli di ogni foggia.
      Pochi gli astanti.
      Ad un tavolo due fotografi, alcune tartine, due bicchieri di vino bianco, una reflex.

      Emanuela: “Che canzone hai scelto di ascoltare per il progetto daydreaming?”
      Simone: “Pensavo ‘Like a hurricane’ di Neil Young
      Emanuela: “Ok, metti le cuffie, chiudi gli occhi e sogna”

      Emanuela mette al collo la sua reflex, dà un paio di consigli a Simone (perché un fotografo fa sempre fatica a farsi fotografare) e la sessione ha inizio.
      Emanuela e Simone sono, per quei pochi minuti, immersi in un altro mondo, non si curano di ciò che li circonda, ma si fanno trasportare dalla musica l’uno, e dalle inquadrature l’altra.

       

      Il primo scatto è quello che conta. O l’ultimo.
      Che detta così sembra dire niente.
      Il primo scatto non è troppo pensato, meditato, costruito. E se non c’è imbarazzo ma affinità, è tra i migliori.
      L’ultimo scatto, invece, è quello senza pudore, senza remore, è quello nel quale si crea una “relazione” tra chi fotografa e chi è fotografato, diventando intimo e naturale.
      Like a hurricane di Neil Young ha portato immediatamente Simone nel suo daydreaming, tra “finestre aperte, lampadine che si accendono, persone e idee che si incontrano” (cit. Simone).

      ESTERNO UDINE – TARDO POMERIGGIO

      La piazza è vuota, solo qualche veloce passante. Il cielo comincia a scurire.
      Emanuela, che assume alcool solo con le gocce di Fiori di Bach, è allegra e leggera, soddisfatta del proprio lavoro.
      Si fanno un selfie da pubblicare su Facebook, e attendono la sera.

      Vuoi conoscere meglio il progetto e magari farne parte? Guarda qua

      Vuoi seguire tutto il progetto? Segui il tag daydreaming

       

      SHARE
      COMMENTS

      error: © Emanuela Vigna - all rights reserved